Il compito del dentifricio non è solo quello di lucidare i denti, deve anche saper rimuove i batteri responsabili della placca dentale.

Molti dentifrici contengono detergenti che creano un’azione schiumogena per eliminare meglio le particelle alimentari e la placca dentale. Possono avere anche ingredienti abrasivi che aumentano l’efficacia della pulizia; i rinfrescanti sono aggiunti comunemente per dare una sensazione di freschezza alla bocca e all’alito, e dare un po’ di sapore alla pasta che sarebbe del tutto neutra.

Esistono, ovviamente, dentifrici di diverso tipo, a seconda della necessità e del bisogno specifico di ciascuno, ad esempio: dentifrici sbiancanti, che rimuovono le macchie dei denti e danno un effetto brillantante o dentifrici antitartaro, che aiutano a prevenire l’accumulo del tartaro dentale.

Poi vi sono dentifrici specificamente formulati con più fluoro che aiutano a rinforzare i denti contro la formazione delle carie, li remineralizza contro l’attacco degli acidi e rendono l’alito fresco.

 

Ecco elencati qui di seguito alcuni dei migliori dentifrici in commercio:

Betope Dentifricio sbiancante al carbone di cocco attivo: pulizia intensiva per rimuovere le macchie

Il carbone attivo di cocco di cui si compone questo dentifricio risulta maggiormente in grado di assorbire le macchie dalla superficie del dente. È adatto per chi ha denti sensibili e previene l’alitosi, grazie alla sua componente di menta fresca.

Lucida i denti senza graffiarli proteggendo lo smalto e migliora la salute delle gengive, il sorriso e dona risultati in tempi rapidi.

Idefair Dentifricio sbiancante al carbone attivo: detergente multiuso

Questo dentifricio al carbone attivo di bambù svolge la sua principale azione come sbiancante. Previene le infiammazioni orali e viene spesso consigliato per trattare le ulcere orali e le gengive sanguinanti, oltre che per curare per quanto poco tutte le comuni malattie orali.

Maybeau Dentifricio sbiancante al carbone di legna di bambù: per tutti i tipi di denti

Questo dentifricio al carbone di bambù ha una forte capacità di assorbimento, effetto utile per rimuovere tutti i tipi di macchie di tabacco, macchie di tè, macchie fumo, lasciando i denti puliti senza danneggiare lo smalto.

E’ uno dei dentifrici che aiutano anche a prevenire la carie.

Regenerate Dentifricio per rigenerare lo smalto dentale: agisce sugli stadi dell’erosione

Questo dentifricio dalla formulazione avanzata, inverte l’erosione dello smalto dentale: l’82% dello smalto è rigenerato in 3 giorni, rigenera lo smalto e la sua microdurezza con gli stessi minerali di cui sono composti i denti. Il suo obiettivo è quello di ripristinare il bianco naturale dei denti, dunque protegge molto bene i denti ed il sorriso.

Zane Hellas Dentifricio per la protezione dello smalto dentale: azione a lungo termine all’olio di origano

Ideale per chi vuole avere un sorriso bianco. L’azione dell’olio essenziale di origano con altre erbe naturali e xilitolo e sorbitolo possono aiutare a preservare lo smalto, ridurre la placca, le gengiviti, la secchezza della bocca e vi aiutano a mantenere la salute orale nel modo più ottimale.

Optima Dentifricio per denti sensibili e gengive delicate 3 pezzistabilizza il pH del cavo orale

A base di aloe vera in gel e altri ingredienti naturali, questo dentifricio speciale è in grado di equilibrare il pH del cavo orale per almeno cinque ore fra un’applicazione e l’altra. In questo modo protegge i denti dall’attacco degli acidi, da alito cattivo, gengivite, carie, pigmentazione dentale.

Dentifricio Mentadent Maximum Protection
Il migliore per: azione filo interdentale

Grazie alla tecnologia MicroPure, consente di avere una bocca più pulita, fresca e dall’aspetto più sano. Durante lo spazzolamento, la sua formula antiplacca si distribuisce all’interno di tutta la bocca dando una pulizia interdentale.

Offre dieci azioni: protegge dalla carie, rinforza le gengive, lascia i denti lisci e puliti, rinforza lo smalto, rende bianchi i denti, dona freschezza all’alito, è anti tartaro, anti batterico, per denti sensibili, azione filo interdentale.

Mentadent Denti Più Bianchi Subito
Il migliore per: effetto immediato

Grazie all’esclusiva tecnologia Blue Light, dà un effetto immediato: i denti appaiono immediatamente più bianchi dopo il primo utilizzo. Questo effetto di sbiancamento immediato è temporaneo.

Come scegliere il tipo giusto?

Per avere i denti bianchi è opportuno adottare delle buone abitudini, sia in termini di igiene orale, che di vita ordinaria (no al fumo e si ad una sana alimentazione). Certo, sarà anche fondamentale usare dentifrici sbiancanti appositi che proteggono lo smalto, facendo attenzione ad esempio se si hanno gengive sensibili o se i prodotti li usano anche i bambini.

Quanto fluoro dev’esserci?

L’Organizzazione Mondiale della Sanità conferma che il fluoro svolge un ruolo cruciale nella prevenzione della carie, nei limiti ammessi dalla legge. L’eccesso di fluoro può provocare però la fluorosi, una degenerazione dello smalto dei denti. È un rischio abbastanza remoto, che riguarda principalmente i bambini sotto i 6 anni di età.

Per quanto riguarda la sicurezza del fluoro per i bambini con meno di 6 anni, la Comunità europea afferma che la concentrazione massima di fluoruro autorizzata è di 1500 ppm o 0,15%. I prodotti specifici per bambini ne contengono in genere meno (500 ppm).

Ma i bambini hanno davvero bisogno di un dentifricio specifico e più fruttato?

No. Alcuni dentifrici per bambini che troviamo in commercio non contengono abbastanza fluoro per aiutare a fermare la carie e i piccoli che si abituano ai gusti più fruttati del dentifricio poi spesso trovano difficile passare ai dentifrici che usano gli adulti. Fino ai sei anni, è bene che i bimbi utilizzino un dentifricio a bassa concentrazione di fluoro, oltre i sei anni, possono usare lo stesso dentifricio del resto della famiglia.

Fonte: www.saluteopinioni.it

Lo sbiancamento dentale è un trattamento estetico sempre più richiesto.

L’aspetto della nostra dentatura è infatti una caratteristica estetica molto importante, un biglietto da visita che ci presenta al mondo. Va da sé che un sorriso curato e brillante ci fa apparire più sani e belli.

Lo sbiancamento dentale è una procedura odontoiatrica che migliora il colore dei denti, rendendoli più bianchi.

LO SBIANCAMENTO DENTALE

Per effettuare uno sbiancamento dei denti professionale bisogna rivolgersi a dentisti o igienisti dentali, che solitamente utilizzano strumenti adeguati e prodotti appositi.

La base solitamente è il perossido di idrogeno, un composto chimico con funzione di disinfettante, ossidante e sbiancante, conosciuto con il nome “acqua ossigenata”. Questo agente è infatti in grado di rimuovere i pigmenti ancorati allo smalto dentale e alla dentina, responsabile delle macchie e l’ingiallimento dei denti.

Lo sbiancamento dei denti non va però confuso con la pulizia dei denti professionale. 

QUALI SONO LE CAUSE DELLE MACCHIE DEI DENTI?

I nostri denti, con il passare del tempo, tendono ad assumere una colorazione sempre meno brillante e chiara. A fare la differenza sono però le nostre abitudini d’igiene e il nostro stile di vita.

Il primo passo per conservare un bel sorriso è certamente porre molta attenzione alla frequenza della nostra igiene orale ma, a volte, questa non basta. Sembrerebbe che siano i cibi e le bevande che assumiamo a fare la differenza.

Ma quali sono i più pericolosi?

  • Cibi con un alto ph acido: bibite gassate come la coca cola, aceto e cibi sott’aceto, salsa di pomodoro, etc..
  • Cibi contenenti coloranti o a pigmenti scuri: caffè e tè nero, vino rosso, mirtilli e frutti rossi, etc..
  • Cibi con carboidrati raffinati: pane, pasta e farina raffinata.

Anche l’assunzione di bevande alcoliche e l’abitudine al fumo sono responsabili del processo di ingiallimento dei denti. 

LO SBIANCAMENTO DENTALE

Come anticipato, la procedura di sbancamento dentale avviene applicando sui denti un prodotto a base di perossido di idrogeno, solitamente sotto forma di gel. Di seguito, si utilizza una luce LED (foto attivante) che stimola il gel a liberare molecole d’ossigeno, in grado di attaccare e distruggere i pigmenti responsabili delle macchie e l’ingiallimento.

IN QUANTE SEDUTE SI OTTENGONO BUONI RISULTATI?

Un paio di sedute sono sufficienti. Inoltre i risultati migliorano se nell’arco del trattamento si utilizzano a casa delle mascherine dentali apposite (sempre ricche di perossido di idrogeno) per almeno 2/3 notti consecutive.

MEETINGWORKS MAGAZINE – NUMERO 18

E’ online il XVIII numero gratuito della nostra rivista, dedicato agli AGGIORNAMENTI DAL MONDO: I passi avanti del settore dentale