Il settore turistico ha subito un’importante ripresa dopo la pandemia e i trend dei viaggi si stanno già rivoluzionando e dimostrano come i viaggiatori ricerchino sempre di più esperienze personalizzate e stimolanti. I turisti sono sempre più alla ricerca di nuovi modi di viaggiare e vogliono trasformare la vacanza in un’esperienza unica.

Vediamo in questo blog quali sono gli aspetti da tenere in considerazione quando si parla di vacanza benessere, o wellness travel.

Poiché, nella maggior parte dei casi, il lavoro è diventato “always-on”, sempre più persone non riescono più a regalarsi una settimana di stacco e di vacanza soprattutto i lavoratori indipendenti che non hanno un tempo retribuito per la vacanza.

IL BENESSERE “SABBATICO”

La realtà è che sempre più persone hanno un disperato bisogno di una profonda pausa di benessere, ma la maggior parte non può smettere di lavorare. Per venire incontro a queste nuove esigenze della nostra società lavorativa, sempre più fluida e con meno lavoro “dipendente”, nasce un nuovo concetto di viaggio: il “ benessere sabbatico”, dove le giornate di lavoro e quelle dedicate al benessere sono intenzionalmente miscelate, in destinazioni che attivamente ed in modo creativo riescono a rendere questo possibile.

Per questa tipologia di viaggio sarebbero necessarie almeno tre settimane di “vacanza” per avviare cambiamenti di stile di vita duraturi e per un vero e proprio reset mentale. Diversi hotel e resort soprattutto in Asia hanno inaugurato diversi programmi di benessere sabbatico, che vanno molto più profondo di una semplice “ricarica”, e dove le esperienze di guarigione quotidiane complete (tra cui mentoring individuale) sono progettate in modo flessibile intorno agli orari di lavoro ottimizzati.

In futuro si possono già prevedere che i centri benessere di target superiore, quelli che oggi propongono soggiorni di 1 o 2 settimane, estenderanno il periodo ad almeno 21 giorni, introducendo flessibilità ai programmi wellness che saranno intercalati da pause lavorative.

L’IMPORTANZA DEL SONNO

Dormire è una delle attività principali di cui il nostro corpo necessità per un equilibrio ottimale. Coach del sonno e app dedicate all’azione del dormire saranno sempre più richieste così come i soggiorni benessere in grado di offrire nuovi stili di vita comprensivi di un’attenzione dedicata al sonno e ai suoi effetti benefici sulla salute mentale e fisica.

Diversi alberghi, Resort e compagnie aeree stanno “investendo sul sonno”, fornendo al turista e al viaggiatore ogni immaginabile servizio e programma sul tema.

BENESSERE IN STILE GIAPPONESE

Il Giappone e la sua lunga tradizione nella cultura del benessere svela i segreti della popolazione più longeva al mondo e invita a seguire le sue filosofie e pratiche. Questo è possibile grazie alla cultura del benessere di matrice giapponese che unisce le antiche tradizioni di guarigione con l’avanguardia delle invenzioni tecnologiche e una politica sociale innovativa.

Negli ultimi anni, diversi approcci benessere giapponesi sono diventate tendenze globali: come il “ikigai”, la continua ricerca di trovare il vero scopo nella vita; il valore spirituale del minimalismo (fatta virale da Marie Kondo); i bagni di foresta (Shinrin-Yoku), il movimento meditativo attraverso la natura; e Wabi-sabi, la filosofia di abbracciare l’imperfezione e la transitorietà.

La Natura e i rituali spirituali come la medicina sono al centro di cultura giapponese, e le loro esperienze di benessere uniche si stanno rapidamente sviluppando sia negli ambienti domestici sia in ambito turistico. Il Giappone è di fronte a un trend di viaggio Wellness in aumento, grazie all’apertura di centinaia templi buddisti ai turisti, e anche la creazione di un B&B della prenotazione monastero (Terahaku),è il soggiorno nel monastero il più richiesto. Anche il cibo vegan dei templi giapponesi un tempo preparato dai monaci, introdurrà una nuova tendenza: un nuovo approccio al cibo che identifica l’atto di nutrirsi come momento di pura contemplazione.

LA MUSICA COME MEDICINA

La musica come alleato di benessere non è certo una novità. Le nuove frontiere, però, prevedono un’offerta di alta tecnologia in grado di fornire un panorama di suoni biometrici e vibrazioni in grado di migliorare il nostro stato di benessere e salute generale.

Si tratta di musica ad alto grado di personalizzazione per trattamenti mirati e playlist specifiche a seconda del risultato che si vuole raggiungere. Le onde sonore entrano in risonanza con le onde celebrali e diventano alleati in un “benessere” di trasformazione, in sezioni meditative e per aiutare il sonno. La musica come terapia intenzionale viene radicalmente reinventata dalle nuove tecnologie. “Wellness” sta diventando una nuova modalità di ascolto, al di là dell’artista o del genere.

Nei Resort i momenti dedicati all’ascolto e alle vibrazioni sonore aumentano con sessioni di Gong, campane tibetane, e altre full immersion in viaggi nel suono.

Fonti:

www.turismodelbenessere.com/i-10-trend-principali-nel-futuro-del-wellness

www.ilmessaggero.it/viaggi/mondo/viaggi_tendenze_2024_silent_travel_vacanze_fitness_turismo_novita

Come hanno passato gli italiani la pausa estiva?

L’estate sta per finire e tutti stanno lentamente rientrando alle proprie routine. Ma com’è andata la stagione estiva? Quanti sono stati gli italiani che hanno viaggiato?

ESTATE 2021: Il turismo in Italia

Si parla di turismo da record che sta registrando dati più alti del 2019 e del 2020. Le località balneari rimangono le mete più affollate (con grande affluenza in Sicilia e Puglia), ma non mancano laghi, montagna e città.

Boom anche per le piccole isole italiane, che registrano il “tutto esaurito”, per un turismo all’insegna del turismo della sostenibilità e delle tradizioni.

Una stagione che sta quindi dando ottimi risultati in termini di affluenza, a conferma della grande voglia di riconquistare la libertà, che nel viaggio fa da padrona. E’ certo che la pandemia ha inciso molto sul turismo e sull’affluenza dei cittadini nelle attività turistiche, ma l’estate 2021 si può definire la vera e propria ripartenza del settore turistico italiano, sicuramente molto provato dagli scorsi mesi.

ESTATE 2021: Il turismo in Italia

Non solo italiani, ma anche stranieri (principalmente da Germania, Francia, Spagna e Regno Unito) sono stati i turisti di questa estate, confermando un ritorno che rassicura. Tra le mete estive scelte dagli stranieri troviamo Sicilia, Trentino-Alto Adige e Toscana, con 12,3 milioni di arrivi tra Giugno e Settembre.

Di fatto un’estate positiva che rincuora il settore dei viaggi, importantissimo per l’economia italiana.

L’influenza del GREEN PASS nel turismo estivo

Ad incidere positivamente sulla tendenza in crescita dei flussi turistici, rientra sicuramente il pass vaccinale. Il green pass, accolto positivamente dalla maggior parte degli italiani quale azione prioritaria per una vacanza in sicurezza, ha alimentato la spesa turistica per oltre 1,7 miliardi di euro.

È quanto emerge da un’indagine realizzata da Demoskopika in collaborazione con il Corso di laurea in economia e management del Dipartimento di diritto, economia, management e metodi quantitativi dell’Università del Sannio.

Il presidente di Demoskopika, Raffaele Rio: «Stime incoraggianti per la ripresa, ma serve giocare d’anticipo con un piano di rilancio per il 2022-2023». «Il turismo italiano è fortunatamente in fase di graduale ripresa. Le nostre stime sono prudenziali poiché abbiamo ricevuto alcuni segnali che il comparto potrebbe registrare incrementi dei flussi ottimisticamente più rilevanti. Il piano vaccinazioni e il green pass rappresentano un indubbio incentivo nel processo di ripresa della movimentazione turistica».

E’ quindi indubbio che l’inserimento della certificazione verde abbia influito positivamente sulle decisioni dei turisti in merito ai propri spostamenti. Si preannuncia così un ritorno alla normalità.

Fonte: demoskopika.it