L’IMPORTANZA DELLA VISUAL IDENTITY NEGLI EVENTI

Ci siamo mai chiesti quanto è importante essere riconoscibili e trasmettere la propria identità nel momento in cui si realizza un evento? La visual identity, studiata in ogni suo aspetto, è uno degli elementi da non trascurare. Partendo da questo concetto, vediamo quali sono tutti gli elementi da tenere in considerazione per rispecchiare le caratteristiche aziendali al meglio.

Cominciamo definendo il concetto di visual identity, testualmente, come l’identità visiva attribuita ad un’entità. Nell’ambito aziendale questa può distinguere profondamente una realtà da un’altra proprio come lo fanno altri elementi come vision, mission, tone of voice, ecc… Pensiamo a fattori come il logo, i colori utilizzati o il font, e a quanto riescono a contraddistinguere un’impresa.

È chiaro che per trasmettere alle persone la propria identità bisogna conoscere bene se stessi; si può comunicare agli altri la propria immagine solo dopo aver delineato le linee aziendali attraverso fattori riconoscibili.

SCELTA DEI COLORI E DEL FONT

Il punto di partenza per rappresentare visivamente un’azienda è la scelta del colore, che deve essere in sintonia con le caratteristiche e il messaggio che si vuole trasmettere, ma anche l’ambito nel quale si è collocati. La scelta delle tonalità è utile per influenzare la percezione dei partecipanti agli eventi, cosi come la parte grafica.

Le immagini arrivano prima delle parole, ed ecco che i colori diventano fondamentali perché ognuno ha un suo significato ed è opportuno conoscerlo. Per esempio, il giallo trasmette positività, il verde è legato alla natura, il viola alla spiritualità e così via.

Non è da trascurare l’importanza dei font, anch’essi capaci di influenzare la percezione di chi legge. Ad esempio, se l’azienda che organizza l’evento ha come valore portante il ‘romanticismo’, allora i font che meglio si adatteranno saranno le cosiddette scritte a mano, calligrafiche, morbide e arrotondate. Se invece si punta sull’aspetto professionale, i font saranno più rigidi e seriosi. Lo stesso vale anche per i simboli che si vogliono utilizzare.

CREARE UN’IDENTITA’ VISIVA: ATTENZIONE A QUESTI FATTORI

Nella creazione della propria visual identity è fondamentale la coerenza, come per tutta la comunicazione, ed ecco perché è importante lavorare in team. Nel momento in cui è stata costruita un’immagine portante, questa dovrà essere presente nelle pubblicazioni, nelle newsletter, sul sito web, sui social media, ecc…

Altrettanto consigliato e importante è l’utilizzo di una moodboard, ovvero un collage di immagini che esprimono le caratteristiche dell’evento, dove verranno inseriti tutti gli elementi che aiutano a recuperare lo stile, le idee, la palette colori che si vogliono attribuire all’evento.

Insieme a questo fattore, altrettanto consigliate sono le brand style guides, ossia una cartella in cui sono inseriti il logo dell’evento, i font, i codici colori e le eventuali declinazioni, se ci sono dei simboli, che partono e sono legati al logo e che possono essere inseriti in alcuni contesti. Questo è utile poiché fa sì che chiunque prenderà in mano l’evento avrà tutto chiaro e non ci sarà modo di sbagliare.

Fare attenzione a questi elementi è utile anche per eventuali edizioni successive: permette di riflettere sulle cose da evitare per l’edizione successiva o su alcuni aspetti che è meglio sviluppare.

Un evento, quindi, rappresenta in tutto e per tutto un’impresa, poiché attraverso esso l’immagine e i valori vengono mostrati pubblicamente. Per questa ragione, attraverso un ottimale studio e realizzazione dell’identità visiva che delinea le caratteristiche dell’azienda, l’evento stesso riuscirà a trasmettere al meglio la coerenza e riconoscibilità di qualsiasi realtà.

Fonte: https://www.meetingecongressi.com/it/meetingblog/201056/creare_la_visual_identity_di_un_evento__intervista_a_michela_bellomo__brand_creator_e_color_strategist.htm